b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi l'articolo

Depliant per il Giardino della Memoria

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi36
Visite MeseVisite Mese2095
Tot. visiteTot. visite154408
Martedì, 19 Febbraio 2019 05:50

GALIMBERTI (UNCI): "LA SCORTA A RUOTOLO UN PRESIDIO DI LIBERTÀ, SOSPENDERLA UN SEGNALE SINISTRO"

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

L’Unci chiede a gran voce il mantenimento della tutela del cronista campano   

L’annuncio della revoca della scorta a Sandro Ruotolo è un segnale preoccupante non solo per i rischi di incolumità del collega (minacciato di morte dal capo dei casalesi Michele Zagaria in un’intercettazione carceraria)  ma anche perché significa fermare di fatto il suo lavoro di cronista d’ inchiesta. "Lasciare Sandro  Ruotolo senza protezione, stante l’attualità della minaccia (Zagaria non si è mai pentito) - ha dichiarato il presidente nazionale dell'Unci, Alessandro Galimberti -  suona anche come un sinistro messaggio per tutti i giornalisti impegnati a svelare le connessioni tra la malavita organizzata e apparati più o meno fedeli allo Stato". Per questi motivi l’Unci chiede con forza il mantenimento della scorta che,paradossalmente, rappresenta la libertà di penna per Sandro e per tutti i cronisti nel mirino delle mafie.
Per il vice-presidente nazionale dell'Unci, Leone Zingales, "revocare la scorta a Sandro Ruotolo, è una decisione insensata ed incomprensibile. Chiediamo di rivedere il provvedimento di revoca. Sandro Ruotolo non deve essere isolato ma sostenuto nella sua battaglia contro le mafie".

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria