Mercoledì, 22 Novembre 2017 17:13

CRONISTA E CAMERAMAN AGGREDITI MENTRE REALIZZANO SERVIZIO TV. LA SOLIDARIETA’ DELL'UNCI SICILIA

A Trapani increscioso episodio durante evento elettorale del candidato sindaco Fazio. Silvio Schembri è stato pure offeso


Il Gruppo siciliano dell’Unci esprime solidarietà all’inviato de “La Gabbia” (trasmissione tv de La7) Silvio Schembri, e al cameraman Salvatore Butticè, aggrediti ieri pomeriggio a Trapani da alcune persone che partecipavano ad un evento elettorale del candidato sindaco Girolamo Fazio.

Il giornalista Schembri, a Trapani per raccontare la campagna elettorale del deputato regionale attualmente indagato dalla Procura di Palermo per corruzione e traffico di influenze in un’inchiesta per presunti finanziamenti illeciti sui trasporti marittimi veloci, stava seguendo una kermesse ciclistica alla quale ha preso parte lo stesso Fazio, quando alcuni dei partecipanti lo hanno colpito con le biciclette cercando di farlo cadere. Stesso trattamento riservato all’operatore Butticè che ha ripreso la scena dell’aggressione. 

Subito dopo i partecipanti all’evento elettorale, tra cui alcuni degli aggressori, hanno improvvisato un “cordone di sicurezza”, per non consentire all’inviato de La7 di svolgere il proprio lavoro e cioè porre domande al candidato sindaco. Il giornalista Schembri, di corporatura robusta, è stato offeso da alcuni dei partecipanti all’evento che lo hanno invitato a seguirli in bicicletta “per perdere peso”.

“Ancor prima che un torto professionale - ha dichiarato Andrea Tuttoilmondo, presidente regionale dell’Unci -, siamo di fronte alla violazione di elementari regole di buona educazione e di civiltà. A Schembri va il mio personale abbraccio e la vicinanza dell’Unci siciliana”.

b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi articolo

Depliant per il Giardino della Memoria


 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano