Sabato, 19 Ottobre 2019 01:14

In Toscana abbiamo già aperto la dirigenza sindacale ai ‘sans papier’

XXVI CONGRESSO FNSI: SANDRO BENNUCCI

 

L’intervento del  consigliere nazionale Unci di Firenze

13 gennaio 2011, Bergamo - Ascoltando l’intervento  di Susanna Camusso mi è tornato in mente che un altro sindacalista della Cgil  aveva spiegato a noi giornalisti il valore della schiettezza. Il mio intervento  sulla discussione relativa alle norme statutarie, non voleva essere offensivo  nei confronti di Roberto Natale.

Mi era sembrato di capire che questo congresso voleva  essere aperto ai giovani e noi siamo assolutamente convinti che nel sindacato  sia indispensabile portare i colleghi che intraprendono la carriera  giornalistica, spianando però loro la strada, rispondendo alla domanda di  maggiore coinvolgimento proveniente proprio dalle nuove leve del giornalismo.

Ed è quello che abbiamo già fatto noi in Toscana,  approvando un nuovo statuto che allarga il numero di dirigenti regionali anche  ai ‘sans papier’, ai non iscritti. Uno statuto che è stato approvato  all’unanimità in Toscana e spero si possa continuare ancora su questa strada.

Se ci guardano con attenzione, anche a livello nazionale  possono individuare nel percorso da noi intrapreso un laboratorio interessante.  Per questo porteremo in votazione la mozione firmata dalla Toscana, per ribadire  che il lavoro precario è un gioco di prestigio messo in mano agli editori,  qualche volta sostenuti anche da quei colleghi che miravano a fare carriera con  la strada libera da troppi ostacoli, come vengono considerati da qualcuno i  colleghi più giovani.

Per questo voteremo una mozione che impegna al rispetto  pieno del contratto giornalistico nelle redazioni, facendo cessare gli alibi che  fin qui ne hanno ostacolato l’applicazione

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria