b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi l'articolo

Depliant per il Giardino della Memoria

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi21
Visite MeseVisite Mese1382
Tot. visiteTot. visite148659
Domenica, 16 Dicembre 2018 05:13

STUDENTI IN VISITA AL GIARDINO DELLA MEMORIA. Il SINDACO: “PALERMO E’ UNA CITTA CAMBIATA’. LA MAFIA NON FA PIU’ PAURA. QUESTO GIARDINO E’ UN AVAMPOSTO DI LEGALITA’”

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Il professore Leoluca Orlando ha accompagnato la scolaresca nel sito di Ciaculli gestito da Unci e Anm
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_orlando_5.11.018.JPG
 
Una sessantina di studenti del liceo scientifico “Galileo Galilei” di Palermo ha visitato stamane il Giardino della Memoria di via Ciaculli, il sito confiscato alla mafia e gestito da Unci e Anm.  
Ad accogliere i ragazzi a Ciaculli c’erano il vice-presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, e il presidente della giunta distrettuale dell’Anm di Palermo, il giudice Giovanna Nozzetti. I ragazzi delle prime A ed F erano accompagnati dalla preside Rosa Rizzo e dalle docenti Claudia Stassi e Giuseppina Lo Coco.
Il sindaco di Palermo, professore Leoluca Orlando, è stato invitato dall’Unci e dell’Anm a fare da “cicerone” attraverso gli alberi dedicati a giornalisti, magistrati, sindacalisti, poliziotti, imprenditori, carabinieri, tutti uccisi dalla mafia. Il primo cittadino 
ha risposto alle domande degli studenti e ha ricordato le figure di Joe Petrosino, Boris Giuliano e Giuseppe Impastato. Quindi, a proposito del suo legame con Piersanti Mattarella, Orlando ha detto che il presidente della Regione  “fu ucciso dalla mafia anche perchè aveva cambiato le regole della politica”.
“Questo luogo – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – oggi, grazie ai cronisti e ai magistrati che lo gestiscono e al Comune che ne è proprietario, è stato restituito alla Comunità, ai palermitani, ai siciliani Qui si ricordano le vittime della mafia grazie agli alberi che vengono piantati periodicamente, il Giardino è divenuto 
un vero e proprio avamposto di legalità”.
“ "Il Giardino della Memoria – ha detto il giudice Giovanna Nozzetti - rappresenta una tappa fondamentale dell'educazione dei giovani alla legalità, un percorso che necessariamente deve attraversare la storia della nostra terra, nella quale la presenza della criminalità organizzata di stampo mafioso ha fortemente condizionato l'economia, l'occupazione, la politica, l'attività sindacale. Fermarsi in questo luogo significa ripercorrere la nostra storia attraverso le vite di quanti alla mafia si sono opposti in nome della giustizia, della libertà, dell'eguaglianza sociale, fino al sacrificio estremo”.
“E’ sempre importante la presenza dei giovani al Giardino di Ciaculli – ha sottolineato il vice-presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales – perchè è in questo luogo che si sviluppa l’esercizio della memoria. Gli studenti che oggi hanno visitato il sito hanno seguito con particolare attenzione le spiegazioni che sono state loro fornite dal sindaco, dall’Anm e dall’Unci. Ricordare le vittime, soprattutto raccontando le storie di personaggi che non sono celebrati come altri, sollecita nelle giovani generazioni un motivo in più per non dimenticare. Qui al Giardino non ci sono vittime di serie A, di serie B e di serie C. Qui a Ciaculli le vittime sono tutti uguali e ciascuno dei caduti ha fornito al Paese un proprio contributo per estirpare la mala pianta della mafia”.
Su sollecitazione di Leone Zingales, infine, è stato osservato un minuto di silenzio a ricordo delle vittime del maltempo che il 3 novembre scorso ha colpito alcuni paesi della provincia di Palermo.
Nella foto: il sindaco Leoluca Orlando ed il vice-presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, insieme con gli studenti del liceo Galilei di Palermo in visita al Giardino della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria