b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi l'articolo

Depliant per il Giardino della Memoria

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi28
Visite MeseVisite Mese1389
Tot. visiteTot. visite148666
Domenica, 16 Dicembre 2018 05:54

Editoria. Fnsi: Minacce al giornalista Berizzi da un gruppo di neofascisti. Riunito il coordinamento della Polizia sugi atti intimidatori nei confronti dei cronisti.

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Milano, 30 ottobre 2018 -  "Per l'ennesima volta gruppi neofascisti hanno minacciato Paolo Berizzi, giornalista di Repubblica finito da tempo nel mirino per aver 'osato' tracciare la mappa delle loro attivita' e dei loro proclami contro la Costituzione e la legalita' repubblicana". Lo dice la Fnsi in un comunicato congiunto con l'associazione lombarda dei giornalisti (Alg), riferendo che questa mattina Berizzi ha trovato scritte minacciose e offensive dentro il portone della casa dove abita con la sua famiglia. Nei mesi scorsi erano apparsi striscioni e volantini contenenti minacce. Viene ricordato anche che la presentazione del suo libro "NazItalia" e' stata piu' volte interrotta dagli squadristi. "Dal momento che i nomi dei mandanti sono noti da tempo - dicono Fnsi e Alg - e' ora giunto il momento di identificarli e fermarli, prima che osino andare oltre. Berizzi e la sua famiglia hanno diritto a una vigilanza accurata e adeguata al livello delle reiterate provocazioni. La Federazione nazionale della Stampa italiana e l'Associazione Lombarda dei Giornalisti saranno accanto a Berizzi in tutte le iniziative che intendera' promuovere e in qualsiasi sede, tribunali compresi".  (LA PRESSE)


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Giornalisti: riunito il coordinamento della Polizia sugi  atti intimidatori nei confronti dei cronisti - Roma, 30 ottobre 2018 - Si e' tenuta oggi, presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale, la prima riunione dell'organismo permanente di supporto al "Centro di coordinamento per le attivita' di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti". Il tavolo tecnico, presieduto dal Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza - Direttore Centrale della Polizia Criminale Nicolo' D'Angelo, e' stato istituito quale sede privilegiata di confronto tra referenti del mondo dell'informazione e rappresentanti delle forze di polizia, al fine di individuare a livello operativo, e con riferimento al fenomeno in parola, gli interventi piu' idonei rispetto alle criticita' contestuali. Dell'organismo fanno parte i rappresentati delle forze di polizia, della Fnsi, del Consiglio dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, e gli sono attribuiti i compiti di effettuare un costante monitoraggio, anche con l'ausilio del Servizio Analisi Criminale, degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti; proporre iniziative e strategie di prevenzione e contrasto al fenomeno delittuoso in parola ed elaborare strumenti di intervento operativo. Nel corso della riunione, sono stati analizzate recenti situazioni che hanno visto come bersaglio alcuni giornalisti. Sono state, inoltre, esaminate alcune proposte finalizzate ad un piu' attento monitoraggio delle fattispecie in esame e sono state condivise iniziative di collaborazione piu' efficace tra il mondo della stampa e delle forze di polizia. (AGI)

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria