b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi l'articolo

Depliant per il Giardino della Memoria

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi63
Visite MeseVisite Mese2368
Tot. visiteTot. visite191906
Lunedì, 16 Dicembre 2019 09:20

IL PRIMO GENNAIO CRONISTI E MAGISTRATI RICORDERANNO TUTTE LE VITTIME DELLA MAFIA

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Capodanno al Giardino della Memoria di Palermo, il sito confiscato a Cosa nostra e gestito da Unci e Anm. Parteciperanno anche i familiari di alcuni dei caduti      

Cronisti e magistrati insieme nel ricordo di tutte le vittime della mafia. Un momento di riflessione dedicato a coloro che sono stati uccisi da Cosa nostra. E’ l’evento, promosso da Unione cronisti e Associazione nazionale magistrati e giunto alla QUARTA edizione, che si svolgerà il prossimo 1 gennaio 2020 alle ore 10 al Giardino della Memoria di via Ciaculli a Palermo. Si tratta della prima manifestazione antimafia del 2020 in Italia e che si intitola: "Comincia il nuovo anno,  ricordiamoli ogni giorno".  Davanti agli alberi che ricordano le vittime della strage di Capaci, cronisti e magistrati dedicheranno un momento di riflessione per tutti i caduti. Oltre alle autorità istituzionali parteciperanno all’iniziativa alcuni familiari di vittime della mafia. Come è accaduto nelle edizioni precedenti (la prima volta nel 2017) nel corso dell’evento si procederà alla lettura di un paio di testi poetici."Anche nel primo giorno del 2020 – sottolinea l’ideatore dell’iniziativa, il giornalista Leone Zingales, presidente del Gruppo siciliano dell’Unci -  celebreremo ricordandole, in questo sito che fu della mafia, tutte le vittime: imprenditori, giornalisti, magistrati sindacalisti, religiosi, poliziotti, carabinieri, e tutti coloro che sono stati uccisi dalle mani insanguinate della mafia.  Le vittime di Cosa nostra, lo ribadisco anche in questa occasione, vanno  ricordate tutti i giorni e non soltanto nel corso delle varie commemorazioni, durante gli anniversari o nei convegni di celebrazione. La lettura di alcuni testi poetici, inoltre, contribuirà ad accrescere il valore dell’iniziativa. Anche con la cultura si sconfigge la mafia: lo sostenevano il generale Dalla Chiesa ed il giudice Chinnici".

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria