Martedì, 24 Ottobre 2017 09:25

IL GIARDINO DELLA MEMORIA IN MOSTRA A PALERMO

Il fotografo Giuseppe Mazzola ha elaborato un reportage dedicato ad una ventina di associazioni che gestiscono beni confiscati
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_giardino_memoria_in_mostra-_2.JPG
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_giardino_memoria_in_mostra.JPG b_0_0_0_00_images_phocagallery_mostra_siti_confiscati.JPG
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_pannello_video_giardino.JPG
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_giuseppe_mazzola.JPG
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_zingales_e_mazzola_mostra.JPG
 
Il Giardino della Memoria di Ciaculli in un reportage fotografico allestito in una sala di Palermo. Ieri sera è stata inaugurata la mostra del fotografo Giuseppe Mazzola (nella foto in basso con il vicepresidente nazionale dell'Unci, Leone Zingales e piu sopra davanti a uno dei pannelli della mostra) nei locali della Casa della Cooperazione di via Ponte di Mare. Mazzola ha assemblato una ventina di immagini tratte da siti confiscati alla mafia e poi ne ha sviluppato un reportage. Il sito dell’espsozione, nel rione Sant’Erasmo, è anch’esso il frutto di una confisca ed assegnato ad una associazione di volontariato. Alla cerimonia di inaugurazione ha partecipato anche il Vice-Presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales. Il Giardino della Memoria di Ciaculli è gestito dal 2005 dall’Unione cronisti e dall’Associazione nazionale magistrati. Lo scorso 19 luglio una delegazione della Commissione antimafia, guidata da Rosy Bindi e Claudio Fava, hanno visitato il sito nell’ambito delle celebrazioni per ricordare le vittime della strage di via D’Amelio.
La mostra si intitola <109/96> e, secondo Mazzola, intende valorizzare alcuni dei tanti siti che sono stati confiscati alla mafia e riutilizzati grazie all’impegno di associazioni che hanno avviato percorsi di legalità.
<La scelta di documentare Palermo è stata abbastanza naturale – ha sottolineato Mazzola – sia perchè è la mia città, sia perchè la provincia di Palermo, da sole, dispone più del 10% dei beni confiscati in Italia>.
In mostra anche tre immagini del Giardino gestito da Unci e Anm e che sono state assemblate come una sorta di mosaico assieme a quelle che si riferiscono ad altri siti confiscati. Non poteva mancare, tra le foto esposte, il primo sito confiscato alla mafia che si trova nel Fondo Micciulla di Altarello a Palermo e che nel 1980 è stato oggetto del provvedimento di sequestro richiesto dall’allora giudice istruttore Giovanni Falcone.
Giuseppe Mazzola è nato a Palermo nel 1975. Dottore di Ricerca in Ingegneria informatica, lavora da alcuni anni come collaboratore di ricerca per l’Università nel quadro dello studio delle tecniche di elaborazione delle immagini. Ha da poco conseguito un master di fotoreportage a Milano per il quale ha realizzato la mostra odierna che chiuderà i battenti il prossimo 31 luglio.
 

b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi articolo

Depliant per il Giardino della Memoria


 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano