Mercoledì, 24 Maggio 2017 04:11

ANCORA CLIMA OSTILE VERSO I CRONISTI CHE SEGUONO IL CONSIGLIO COMUNALE DI AUGUSTA(SIRACUSA)-FRANCESCO NANIA: RISTABILIRE SERENITA' E RISPETTO RUOLI

Consigliere comunale "colpevole" d'aver illustrato ai giornalisti il tema della seduta d'aula

 

Rammarica constatare, ancora una volta, come al comune di Augusta (Siracusa) si respiri un clima di ostilità nei confronti dei cronisti. Nella seduta del 31 marzo, infatti, la presidente del Consiglio comunale ha redarguito un consigliere comunale d'opposizione, “reo” d’avere fornito, durante la sospensione dei lavori, delucidazioni ad alcuni giornalisti relativamente agli argomenti oggetto della seduta d’aula. Un'ostilità immotivata, che ha innescato polemiche e tensioni nei confronti dei colleghi più volte presi di mira anche attraverso i social network. 

Il Gruppo siciliano dell'Unci auspica che tali attriti possano finalmente trovare soluzione, al fine di tutelare la libertà di stampa e consentire in questo modo la corretta circolazione delle notizie affinchè l'opinione pubblica possa essere aggiornata in modo completo ed efficace riguardo alle attività del Comune aretuseo.

<Non è la prima volta che da Augusta ci vengono segnalati episodi spiacevoli in un contesto - ha dichiarato il fiduciario della sezione Unci di Siracusa, Francesco Nania -, quale quello del Palazzo di Città e dell’aula consiliare dove si esercitano importanti funzioni democratiche. Sono questi i principi che ispirano ed entro i quali si svolge l'attività del giornalista, che ha il diritto-dovere di accedere alle informazioni attraverso le fonti accreditate per diffondere all’opinione pubblica notizie riscontrate e fatti oggettivi. Certi che l’ultimo episodio sia stato solo frutto di un malinteso, auspichiamo che venga ristabilito un clima di assoluta distensione quanto di reciproco rispetto dei ruoli>.

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano