Martedì, 25 Aprile 2017 10:45

ANNAMARIA FURLAN: NON C’E’ SVILUPPO SENZA LEGALITA’. COMBATTERE LA MAFIA E’ UN DOVERE CIVICO

Visita privata al Giardino della memoria di Palermo del segretario nazionale della Cisl

 

Il segretario generale nazionale della Cisl, Annamaria Furlan, ha visitato, in forma privata, il Giardino della Memoria di Ciaculli, il sito confiscato alla mafia e gestito da cronisti e magistrati. Ad accogliere Annamaria Furlan il Vice-Presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales. Assieme al segretario generale hanno partecipato alla visita i vertici della Cisl regionale, Mimo Milazzo, e provinciale Palermo-Trapani, Daniela De Luca. Furlan si è soffermata in particolare davanti agli alberi che ricordano il presidente della Regione siciliana Piersanti Mattarella, i sindacalisti Placido Rizzotto, Salvatore Carnevale e Nicolò Azoti, i poliziotti Cassarà e Giuliano, i giornalisti Cosimo Cristina, Giuseppe Impastato e Mauro de Mauro, i carabinieri Mario D’Aleo, Giuseppe Bommarito e Pietro Morici, le vittime di Portella delle Ginestre e Pio La Torre. Un momento di riflessione davanti all’albero che ricorda il giudice Falcone e gli agenti caduti nella strage di Capaci ha completato la breve visita.

<Non conoscevo questo luogo – ha dichiarato Annamaria Furlan – e adesso che l’ho visto mi sembra corretto sottolinearne l’importanza e l’utilità sociale. Cronisti e magistrati sono impegnati in un percorso di legalità che va valorizzato. La lotta alle mafie, come è stato ricordato a Locri dal presidente della Repubblica, non deve fermarsi. Non c’è sviluppo per il nostro Paese senza giustizia e senza legalità. Va combattuto con fermezza il sistema della corruzione, c’è il forte bisogno di rivedere le politiche del lavoro e vanno combattuti coloro che, fiancheggiatori della mafia, rubano il futuro ai nostri giovani. Combattere la mafia è un dovere civico e la Cisl sarà sempre a fianco di coloro che dimostrano di impegnarsi con i fatti sulla strada della legalità>.

<La visita del segretario della Cisl Furlan – ha dichiarato il Vice-Presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales – dimostra ancora una volta che il Giardino della Memoria di Ciaculli sta assumendo giorno dopo giorno quei connotati che noi cronisti auspicavamo all’inizio di questo percorso, assieme agli amici dell’Anm: far diventare questo luogo un vero e proprio presidio di legalità>.

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano