Giovedì, 24 Agosto 2017 06:58

UNCI SICILIA: "GIUSEPPE FAVA, ESEMPIO PER TUTTI I CRONISTI"

Oggi l’anniversario dell’omicidio del giornalista e scrittore ucciso nel 1984 a Catania

                                 
Oggi ricorre il 33esimo anniversario della morte di Giuseppe Fava, il giornalista e scrittore ucciso dalla mafia a Catania la sera del 5 gennaio 1984.
Per l’Unci Sicilia - che ne  ricorda le denunce, le inchieste, i puntuali servizi televisivi -  Giuseppe Fava "è stato un monumento del giornalismo italiano, un esempio per tutti i cronisti".

 
“Un giornalista incapace per vigliaccheria o per calcolo, della verità – scriveva Fava in un editoriale apparso sul Giornale del Sud nel 1981 – si porta sulla coscienza tutti i dolori che avrebbe potuto evitare, le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze che non è stato capace di combattere”.
 
"Con il suo estremo sacrificio - ha detto Andrea Tuttoilmondo, presidente del Gruppo siciliano dell’Unci – Giuseppe Fava rappresenta, oggi più che mai, uno straordinario esempio di passione per un giornalismo al servizio esclusivo della verità e dell’amore per la giustizia".
 
"Ho letto con attenzione, da ragazzo, i suoi resoconti di cronaca – ha sottolineato il vicepresidente nazionale dell’Unione cronisti, Leone Zingales – e mi entusiasmavano i coraggiosi servizi televisivi. L’ho conosciuto e l’ho intervistato, arricchendo ulteriormente il mio bagaglio professionale. Ed è nel suo ricordo che, lo scorso ferragosto mi sono recato a Palazzolo Acreide e – a nome di tutti i cronisti – gli ho reso omaggio davanti alla lapide collocata sulla casa natale. Giuseppe Fava era un grande uomo di cultura ed un maestro di giornalismo".

b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi articolo

Depliant per il Giardino della Memoria


 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano