Lunedì, 8 Marzo 2021 17:31

L'esproprio del casolare dove fu ucciso Peppino Impastato

 

IL Presidente del Consiglio sollecita l’iter per l’esproprio del casolare di Cinisi in cui fu ucciso Peppino Impastato.

 

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervenendo nel pomeriggio a Cinisi (Palermo) ha garantito l’appoggio del governo al sindaco per trasformare l’area in cui si trova il casolare dove fu assassinato Peppino Impastato, attualmente in stato di abbandono, in un luogo della memoria. «Puoi contare su di noi dal punto di vista delle pratiche - ha detto Renzi rivolgendosi al sindaco Palazzolo - Se c'è da fare un esproprio si faccia».

L’Unione nazionale cronisti italiani giudica positivamente l’intervento del Presidente del Consiglio che, in questo modo, ha detto Alessandro Galimberti, presidente dell’Unci, "aggiunge un ulteriore tassello e un simbolo al lavoro di ricostruzione della memoria e della legalità iniziato esattamente dieci anni fa ad opera dell’Unione Cronisti. E’significativo che questo impulso e questo riconoscimento arrivino dal premier Matteo Renzi".

"Finalmente – ha aggiunto il Vice-Presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales – si pongono le basi per dare il giusto risalto ad un luogo significativo della Sicilia che ama la legalità. Il casolare in cui fu ucciso Impastato diverrà un pezzo di storia nella memoria collettiva".

00186 RO
sito: www.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria