Lunedì, 8 Marzo 2021 16:30

ASSOLTI I GIORNALISTI ENNESI TROVATO E MARTORANA, SODDISFAZIONE DELL’UNCI SICILIA

Sentenza della Corte d’Appello di Caltanissetta

 

Il Gruppo siciliano dell’Unci accoglie con soddisfazione la sentenza, emessa  dai giudici della Corte d’Appello di Caltanissetta, con la quale sono stati assolti i giornalisti Josè Trovato e Giulia Martorana che erano stati accusati di favoreggiamento personale nei confronti di ignoti e per pubblicazione di atto coperto dal segreto istruttorio. I giudici della prima sezione penale, presieduta da Andreina Occhipinti, hanno confermato la sentenza che era stata emessa dal Tribunale di Enna ma che era stata impugnata dall’ufficio del Procuratore generale di Caltanissetta.

"Si conclude positivamente – ha sottolineato il Vice-Presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, – una vicenda che ha visto schierata sin dall’inizio l’Unci Sicilia a fianco dei due colleghi che hanno soltanto fatto il proprio dovere: informare i lettori non appena avuta la notizia".

I giornalisti erano finiti sotto processo per gli articoli pubblicati il 9 settembre 2008 sul Giornale di Sicilia e su La Sicilia, in relazione alle indagini sull’omicidio di Carmelo Governale, il cui cadavere fu trovato nelle campagne di Piazza Armerina (Enna).  La notizia, pubblicata dodici mesi dopo il fatto di sangue, trattava alcuni tasselli dell’inchiesta investigativa e ciò indusse i carabinieri a depositare negli uffici giudiziari di Enna una comunicazione di notizia di reato a carico dei giornalisti, i quali, ascoltati dagli inquirenti, si rifiutarono di rivelare le proprie fonti. Secondo la Procura di Enna Trovato e Martorana avrebbero aiutato un «ignoto» a eludere le indagini dell’autorità. Da qui il reato di rivelazione del segreto istruttorio. Per i pm, infatti, i due cronisti non avevano alcun diritto di avvalersi del segreto professionale, perché allora entrambi giornalisti pubblicisti e non iscritti nell’albo dei professionisti.  L’impostazione della Procura di Enna è stata però ritenuta insussistente sia in primo grado che in appello.

 

Solo un breve inciso riguardo al tempo trascorso per avere questa sentenza: dal giorno della pubblicazione degli articoli incriminati, e quindi, poco meno dalla denuncia, ci sono voluti otto anni e un mese. Ogni commento ci pare superfluo (ndr)

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria