Giovedì, 4 Marzo 2021 22:50

A REGGIO CALABRIA LA NONA GIORNATA DELLA MEMORIA

b_0_0_0_00_images_GIORNATA-DELLA-MEMORIA_locandina.jpg

GALIMBERTI: RIPARTIRE DA QUESTI VALORI,
SENZA RETORICA

ZINGALES: NON ERANO EROI, MA VERI TESTIMONI CIVILI

 

L'intervento del presidente nazionale dell'Unci, Alessandro Galimberti, ha concluso la Nona Giornata della Memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo che si è svolta nell'auditorium "Nicola Calipari" di Reggio Calabria. "Cio' su cui oggi dobbiamo riflettere è la normalità di questi colleghi, lasciati soli fino alla morte nel contrasto alla cultura mafiosa e caduti anche in oblio per troppi anni - ha detto Galimberti - Se siamo portatori di questi stessi valori, in un momento storico di grande difficoltà per la libertà di stampa, dobbiamo ripartire dal loro esempio, lontani dalla retorica, dal culto di icone, dediti solo alla cultura della verità e dell'indipendenza professionale e civile".

 

Erano presenti alcuni familiari delle vittime: il professore Giuseppe Maria Andreozzi e Francesca Fava, genero e nipote di Giuseppe Fava, ucciso a Catania nel 1984: Mimma Barbaro e Fulvio Alfano, rispettivamente vedova e figlio del giornalista Beppe Alfano, ucciso nel 1993 a Barcellona Pozzo di Gotto. Presenti inoltre il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso, il segretario aggiunto Carlo Parisi e il direttore della federazione Giancarlo Tartaglia.
"Saremo sempre grati all'Unione cronisti - ha detto la vedova di Alfano, Mimma Barbaro - che per prima ha posto al centro dell'attenzione nazionale il ricordo dei cronisti uccisi nel nostro Paese. La memoria è un bene che non va disperso".

Il figlio di Beppe Alfano, Fulvio, ha ricordato le dirittura morale del padre e con rabbia ha evocato i casi più recenti di informazione televisiva addomesticata davanti al boss mafioso. " Così uccidete i vostri colleghi altre cento, mille volte" ha detto Fulvio.

"Le mafie vanno colpite la' dove nasce il consenso- ha detto Giuseppe Maria Andreozzi, marito di Elena Fava, figlia di Giuseppe e prematuramente scomparsa qualche mese fa - e cioè estirpando la corruzione, il vero cancro della nostra società>. La figlia Francesca ha riletto il testamento professionale del padre, esortando i cronisti al concetto etico della professione che porta, attraverso la verità, al superamento della violenza e delle diseguaglianze.


L'ideatore della Giornata nazionale della Memoria, leone Zingales, Vice-Presidente nazionale dell'Unci, ha detto che "i giornalisti che ricordiamo in questa occasione non erano persone eccezionali. Semplicemente erano cronisti che non si sono piegati davanti a niente e a nessuno e che hanno svolto il proprio mestiere con la schiena dritta nel nome della verità e della libertà di stampa. Erano <eroi normali>, liberi da lacci e lacciuoli che hanno percorso senza paura un sentiero irto di ostacoli e che sono stati risucchiati dal gorgo della barbarie più vigliacca".

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria