Sabato, 19 Ottobre 2019 02:11

Una mozione per la libertà di stampa al Consiglio regionale della Puglia

INTERCETTAZIONI: PRESENTATA DA GIUSEPPE ROMANO DEL PD

 

La Giunta Vendola intervenga sul Governo a tutela del diritto di cronaca

 27 novembre 2009, Bari - Pubblichiamo il testo della mozione presentata, su sollecitazione dei Gruppo Cronisti Pugliesi, al Consiglio Regionale della Puglia dal consigliere Romano del Pd

“La stampa non può essere sottoposta ad autorizzazioni o censure”: è dal principio sancito dall’art. 21 della Costituzione che muove la mozione presentata dal consigliere regionale Giuseppe Romano su sollecitazione dei Cronisti Pugliesi. Sarà affrontata in una delle prossime sedute del Consiglio regionale della Puglia, contro il disegno di legge del ministro della Giustizia che “minaccia la libertà di opinione e informazione”.

Il ddl Alfano prevede “il carcere per i giornalisti - fa notare Romano - e pesanti sanzioni per gli editori qualora pubblichino notizie riservate esercitando il diritto di cronaca”. L’attacco ad una delle liberà garantite dalla carta costituzionale avviene, fa osservare ancora il consigliere regionale del PD, in un Paese nel quale “è presente una forte concentrazione di mezzi di comunicazione e di potere politico” e mentre si moltiplicano le denunce per diffamazione, con richieste “di risarcimento per svariati milioni di euro, contro importanti testate giornalistiche da parte di protagonisti della politica”.

“Le pressioni, le azioni e le dichiarazioni rivolte alla stampa destano enorme preoccupazione non solo tra i giornalisti italiani”, sottolinea Romano, che ricorda gli interventi della Federazione Europea dei giornalisti a difesa del diritto di cronaca ed informazione e la manifestazione nazionale del 19 settembre.

La mozione impegna la Giunta regionale a promuovere tutte le iniziative necessarie per favorire un clima nel quale la libertà di stampa possa essere pienamente esercitata e la differenza di opinione sia un terreno per favorire il confronto. Il governo Vendola dovrebbe farsi a farsi portatore presso l’esecutivo nazionale di “tutte le istanze a tutela del diritto di cronaca ed informazione secondo gli standard delle democrazie più avanzate”.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria