Sabato, 19 Ottobre 2019 01:23

Omicidio a Ivrea: silenzio con i giornali e i cittadini

L’UCCISIONE DI UN UOMO E’ STATA  NASCOSTA PER CINQUE GIORNI

Esposto al Csm: la Procura applica prima  dell’approvazione il ddl Alfano

14 luglio 2009 - I  cittadini di Ivrea, e gli altri piemontesi, hanno appreso ieri, lunedì 13, che  martedì 7 luglio, nella sua abitazione  nel vicino paese di Strambino, era stato  assassinato un uomo di 56 anni con alcuni precedenti penali. Per  una settimana   la Procura della Repubblica,  che coordinava le indagini sulla morte, e i  Carabinieri, che le svolgevano, hanno taciuto.

Quando i cronisti sono venuti a  conoscenza dell’accaduto dal passaparola degli abitanti e hanno chiesto  informazioni ufficiali, hanno incontrato soltanto un muro di imbarazzato  silenzio. Inquirenti e investigatori hanno, cioè, deliberatamente evitato di  informare l’opinione pubblica arrogandosi loro il potere di decidere cosa,  e se  mai quando, i cittadini possono sapere di quanto accade.

Una violazione plateale e  clamorosa del diritto ad essere informato che l’art. 21 della Costituzione  riconosce  a ciascun italiano e del diritto-dovere di cronaca che è stato  ripetutamente sancito dalla Corte Suprema di Cassazione , e dell’obbligo,  ribadito dalla Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo, per magistrati e   forze di polizia di tenere informati i cittadini.

A Ivrea, quindi, si sta  cercando di far diventare operante prima del tempo il ddl Alfano che attraverso  l’obbligo della segretezza sulle attività di magistrati e inquirenti punta a  negare l’informazione ai cittadini. Una informazione che per non divenire  manipolazione deve essere corretta, compiuta e tempestiva. E le fonti pubbliche  hanno un duplice  dovere:  non nascondere le notizie e  non manipolare  le  informazioni, e  fornire ai giornalisti gli elementi obiettivi di conoscenza di  base.

Per questi motivi il Presidente  dell’Unci, Guido Columba, e il Gruppo Cronisti del Piemonte, hanno annunciato  l’invio di un esposto al Consiglio Superiore della magistratura  sul  comportamento del Procuratore di Ivrea Elena Daloiso.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria