Sabato, 19 Ottobre 2019 01:16

Si è svolta a Roma la Festa del Cronista per lanciare il Centenario del SCR

HA PARTECIPATO OLTRE UN CENTINAIO DI SOCI E AMICI

Presentata l’Agenda 2010 e il Programma delle celebrazioni

22 dicembre 2009 - Un centinaio e oltre fra soci, colleghi e amici ha partecipato alla vigilia di Natale alla festa del cronista organizzata dal Sindacato cronisti romani. Numerosi anche gli esponenti e i rappresentanti delle autorità cittadine, fra le quali il questore Giuseppe Caruso e il gen. Vittorio Tomasone, comandante provinciale dei carabinieri di Roma. E’ stata una felice occasione di incontro e di brindisi augurale. Agli intervenuti sono stati consegnati le Agende del cronista 2010, nella speciale versione del Centenario, illustrate dalle splendide immagini della giovanissima Cecilia Fabiano e il programma del centenario (1910/2010) del SCR con una ministoria dell’associazione.

Il Sindacato cronisti romani nasce il 5 agosto del 1910. Le cronache e i documenti dell’epoca raccontano che una sessantina di giornalisti dei quotidiani, “Il Messaggero”, “La Tribuna”, “Il Popolo romano”, “Il Giornale d’Italia”, “L’Osservatore romano”, “ Corriere d’Italia” e “Idea nazionale”, si riunisce in assemblea costituente in via Due Macelli 12 (tel 12-34), intorno a mezzogiorno, in stanze al pianterreno concesse da Costanzo Chauvet proprietario dell’omonimo palazzo e direttore de “Il Popolo romano” (ancora oggi il nome della testata appare in bella vista nel fronte dell’edificio). Il SCR si costituisce esattamente un anno dopo l’avvento della FNSI, la Federazione nazionale della stampa italiana che riunisce in un patto federale tutte le associazioni regionali e lo stesso gruppo specialistico dei cronisti. Abolito dal fascismo, il Sindacato cronisti romani si ricostituisce nel 1945 con l’entusiasmo e la voglia di rinascita che caratterizzano il periodo dell’immediato dopoguerra.

Oggi è composto da 400 giornalisti/cronisti in rappresentanza di tutti i mass-media della città, carta stampata, radiotv, online. Ne fanno parte e ne hanno fatto parte generazioni di giornalisti che si sono fatti le ossa a tu per tu con fatti e misfatti di una città tutta particolare come Roma. Con l’occasione dell’anniversario si intende offrire ai colleghi e ai romani, e non solo, una lettura della cronaca diventata storia attraverso 100 anni di giornalismo di prima linea e mediante la voce, la penna e le immagini di cronisti e di fotoreporter. E attraverso pubblicazioni, mostre multimediali, rassegne cinematografiche su Roma e la cronaca.

Programma delle manifestazioni del centenario (1910/2010) 

Il ciclo delle manifestazioni sarà inaugurato il 22 aprile 2010 nella sala della Protomoteca in Campidoglio dal Sindaco  nel quadro delle celebrazioni del Natale di Roma. Si terranno confronti tra  Alemanno e un Sindaco di ieri, Clelio Darida, tra un grande e amato personaggio, come simbolo della romanità,  e cronisti doc sul tema del “come eravamo ieri e come siamo oggi” attraverso la presentazione di due libri editi dal SCR e di un film/documentario curato dalla Teche Rai.

La centenaria vicenda del Sindacato cronisti offre lo spunto alla prima delle due pubblicazioni  romani”, una cavalcata secolare dentro la cronaca e le cronache giornalistiche e le attività del SCR dedicate alla città e a più costruttivi rapporti di dialogo fra la stampa, le amministrazioni cittadine, le forze dell’ordine nell’interesse di una puntuale e corretta informazione al servizio dei romani. Il volume sarà dotato di un appendice di documentazione inedita. La seconda pubblicazione è un libro/documento sull’informazione oggi e sul come è cambiata “Guida all’universo comunicazione” : nuovi modelli di giornalisti, il boom dell’elettronica, il fai da te della comunicazione, l’influenza del virtuale, il gossip e le inchieste spettacolo ecc con la prima, completa appendice (unica del genere) di leggi, codici, norme, regole e quanto altro disciplina l’informazione ai nostri giorni.

In progettazione figurano tre Premi/concorso: “Il Premio Roma del cronista”, “ Il Premio giovane fotoreporter romano” e il  “Premio il cittadino cronista” con il coinvolgimento degli esponenti della città e del mondo della comunicazione“

1) Il “Premio Roma del cronista”, sulla falsariga di quello nazionale promosso dall’UNCI, si ripromette lo scopo di sottolineare il ruolo e la funzione che il cronista svolge nel lavoro quotidiano a contatto con i cittadini, e di premiare coloro che si sono particolarmente distinti per impegno professionale, sociale e umano..

2)   Con “Il Premio giovane fotoreporter romano” si intende offrire un significativo riconoscimento ai giovani coraggiosi che intraprendono il mestiere di fotoreporter qualificando e rilanciando una gloriosa professione a rischio di estinzione nell’epoca delle immagini interattive e senza frontiere, e alla portata di un dilettantismo arrembante.

3) Il “Premio il cittadino cronista” dedicato alle nuove forme di comunicazione elettronica che incoraggiano e valorizzano la partecipazione attiva dei lettori/cittadini a una più completa e tempestiva testimonianza dei fatti di cronaca .

Rassegna cinematografica retrospettiva di film  su Roma e la cronaca possibilmente nell’ambito delle manifestazioni  del Festival del cinema di Roma  da tenersi straordinariamente nella casa del Cinema con il sostegno del Comune

In autunno/ottobre manifestazione multimediale al Museo di Roma in Trastevere piazza S. Egidio. La rassegn è costituita da una mostra/esposizione di foto, filmati/audiovisivi, documenti curiosità su 100 anni di vita/cronaca cittadina intrecciati alla storia e alle attività del Scr .

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria