Sabato, 19 Ottobre 2019 02:16

Intercettazioni: Consiglio Valle d’Aosta discute mozione per libertà informazione

SUL DDL ALFANO  CI SONO PERPLESSITA’ E  PREOCCUPAZIONE

 

Ascoltati in Commissione i  dirigenti dell’Unci e il presidente dell’Ordine

18 maggio 2009, Aosta  - I contenuti del disegno di  legge Alfano sulle intercettazioni telefoniche sono stati al centro questa  mattina di un'audizione, da parte della seconda commissione del Consiglio Valle,  dei presidenti dell'Unione nazionale cronisti italiani, Guido Columba e  dell'ordine dei giornalisti della Valle d'Aosta, Claudio Laugeri.

Alla commissione - che sta esaminando, sull'argomento, una  proposta di mozione presentata dal gruppo Vda Vive-Renouveau Valdotain - il  presidente Columba (accompagnato dai consiglieri nazionali Unci Michele Crosti e  Alessandro Galimberti e dal referente regionale Piero Minuzzo) ha evidenziato la  contrarietà dell'Unci al ddl definito "un provvedimento inutile e dannoso" che  deve essere "modificato in modo radicale" perché "sottrae alla magistratura uno  strumento fondamentale e insostituibile per contrastare il crimine ed espropria  i cittadini del diritto costituzionale ad essere informati in modo corretto,  complesso e tempestivo su come viene amministrata la giustizia".

Il disegno di legge del Governo sulle intercettazioni -  secondo Claudio Laugeri - "limita la possibilità di raccontare ai cittadini ciò  che accade nel paese" impedendo, tra l'altro, "la raccolta di materiale,  riguardante i procedimenti, che costituisce un tassello fondamentale per l'esecizio  del diritto di cronaca". Il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Valle  d'Aosta ha inoltre evidenziato il rischio che, a seguito delle restrizioni  contenute nel ddl, "ci siano dei procedimenti anche rilevanti di cui l'opinione  pubblica potrebbe non sapere mai nulla".

Perplessità e preoccupazione per il ddl Alfano, seppure con  sfumature diverse e con l'invito ai giornalisti di "fare un pochino di  autocritica", è stata espressa dalla seconda Commissione consiliare permanente  del Consiglio Valle. "Speriamo che il Consiglio regionale si schieri presto  risolutamente a sostegno del diritto di cronaca e non avalli la posizione di chi  vuole mettere il bavaglio alla stampa", ha detto Roberto Louvin, capogruppo di  Vda Vive-R e primo firmatario del suo gruppo su una mozione in materia. "Le  audizioni di oggi - ha precisato Louvin - hanno confermato in pieno che questa  proposta di legge del governo Berlusconi minaccia pesantemente la libertà di  stampa". Ha quindi commentato: "La prima preoccupazione di chi oggi ci governa è  di far sentire ai giornalisti il tintinnio delle manette e questo è  inammissibile".

Un esplicito invito ai giornalisti "a fare un po' di  autocritica" è giunta dai commissari Franco Salzone (capogruppo Stella Alpina) e  Piero Prola (Uv). Nel sottolineare che "le informazioni date da un certo  giornalismo hanno creato grave danno a persone", Prola ha posto l'accento sulla  necessità che i giornalisti "seguano con scrupolosa attenzione i codici etici  che si sono dati". Salzone ha poi dato atto che le sollecitazioni a modificare i  ddl Alfano "non è solo una difesa corporativistica, ma guarda anche al diritto  di essere informati dai cittadini".

Da parte sua il presidente della Commissione, Andrea Rosset (Uv), nel corso  dell'audizione dei rappresentanti dell'Unci ha invitato i giornalisti "al senso  di responsabilità di chi deve fare informazione". Rosset ha poi affrontato la  questione delle intercettazioni ponendone tre livelli di questioni: quella  investigativa, quella legata alla riservatezza e del diritto dell'informazione  evidenziato come sia sempre più necessario un elevato livello di professionalità  da parte di tutti gli operatori.

 

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria