Sabato, 19 Ottobre 2019 01:20

Un pugno di cronisti lombardi alla scoperta di un Iran diverso

SBUGIARDATA PROPAGANDA MA CONFERMATA SOGGEZIONE DELLA DONNA

 

Grande cordialità della gente, pulizia,  verde. I giovani, però, vogliono emigrare

di Gianfranco Pierucci

Quando Guido Columba mi ha chiesto di scrivere qualcosa del  viaggio in Iran promosso dal Gruppo Cronisti Lombardi e al quale anche lui ha  partecipato, avevo appena finito di leggere il primo resoconto buttato giù di  getto da Pino Nicotri, un altro della comitiva, per il suo blog www.pino nicotri.it. E mi sono chiesto che cosa  avrei potuto fare di più e di meglio se non convincere Guido a prendere pari  pari quell’articolo e pubblicarlo sul sito Unci.

Non vi dico dopo aver letto la seconda puntata, proprio  mentre – come promesso al Presidente - mi accingevo a fare un po’ di cronaca e  qualche considerazione sul nostro viaggio. Non so davvero che cosa potrei dire  di più, certamente non di meglio. Comunque, poiché ogni promessa è debito,  eccomi qui a ricordare per sommi capi i capisaldi di questo viaggio. Nato un  anno fa, subito dopo la prima bella esperienza a Dubai, anzi durante il viaggio  di ritorno, mentre l’aereo della Emirates volava su Shiraz e sulle montagne che  si dipartono verso ovest, allora ancora ammantate di neve.

C’è voluto un sacco di lavoro, non sono mancati i disguidi  e i contrattempi, il visto e la press card sono arrivate all’ultimo momento  (venerdì alle 10.30 con partenza fissata al sabato alle 11 da Malpensa) ma alla  fine l’esperienza è stata, credo, positiva e utile per tutti i diciotto colleghi  che hanno preso parte al viaggio.

Prima di tutto per aver potuto approfondire il contatto con  una società la cui immagine all’estero non è di certo quella che si riporta sul  posto. Premetto che sei giorni non sono sufficienti, pur con tutta la buona  volontà, anche dormendo solo cinque-sei ore a notte e scorazzando con aereo e  bus per quasi duemila chilometri, per “conoscere” un Paese, ma per poter quanto  meno avviare delle riflessioni sì.

Ha colpito tutti, in particolare, il calore e la cordialità  della gente, uomini e donne, ragazzi e ragazze, per le strade di Teheran come di  Shiraz o di Esfahan. La loro voglia di stare insieme fino a tarda ora nei parchi  curatissimi e pieni di fiori, sui prati all’inglese delle piazze, intorno ai  mausolei dei Poeti (come per esempio Saadi e Hafez a Shiraz) che hanno  tramandato e salvato la lingua Farsi.

Le nostre colleghe (la maggioranza nella comitiva) erano  interessatissime, alla partenza, a scoprire lo stato e la condizione femminile  nel Paese del chador e della hjab (il velo) obbligatorio per tutte, anche per le  straniere. Di certo la donna è ancora molto in credito rispetto ai canoni  occidentali, deve ancora poter ampliare la propria sfera di diritti, ma è  sembrato di poter capire che con la loro forza di volontà, la loro voglia di cambiamento, le donne iraniane (più del 60 per cento della  popolazione totale, e il 70 per cento degli studenti che frequentano  l’Università) non potranno non ottenere sempre maggiori margini di libertà di  comportamento e di partecipazione, sia pure a piccoli passi.

Il viaggio ha dato modo di acquisire maggiori conoscenze  della realtà religiosa, politica e sociale del Paese, anche attraverso una serie  di incontri, in particolare quello con l’ayatollah Milani Alì, a Qom, che ha  fornito interessanti spunti di discussione, riflessione e confronto sui temi  dell’Islamismo e dei rapporti con il Cattolicesimo, della politica della  Repubblica Islamica dell’Iran verso l’Occidente e in particolare verso gli Stati  Uniti e Israele, nonché della posizione e del ruolo della donna nella società  iraniana attuale.

Breve, ma intenso lo scambio di domande e risposte, con uno  dei 4 candidati alle prossime elezioni presidenziali del 12 giugno, l’ex  presidente del Parlamento Mehdi Karroubi, avvenuto casualmente all’ingresso  della antica basilica armena di Esfahan, poco dopo un ben più ampio incontro con  un sacerdote zoroastriano nel moderno tempio di questa minoranza religiosa.

Le visite ai Musei, ai siti archeologici quali Persepoli e  Pasargade, e alle straordinarie antiche Moschee di Yadz, Shiraz, Esfahan e Qom  hanno costituito i temi culturali dell’ incontro con la millenaria storia della  Persia e con la sua arte, le sue architetture, i suoi tappeti…

Ora che ho cominciato… potrei continuare chissà per quanto  ancora. Ma lo spazio è tiranno.

Per chi  volesse saperne di più, magari toccando con mano,  di persona, ci sarà la possibilità di farlo dal 26 settembre al 4 ottobre,  sempre con il patrocinio del Gruppo Cronisti Lombardi  (www.piazzettavergani.org), grazie ad un secondo viaggio promosso con la  Traveldesignstudio di Bergamo in collaborazione con la sede italiana dell’Aito (Azadi  International Tourism Organization) di Teheran. 

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria