b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi l'articolo

Depliant per il Giardino della Memoria

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi48
Visite MeseVisite Mese2130
Tot. visiteTot. visite161528
Venerdì, 19 Aprile 2019 09:09

GIORNATA DELLA MEMORIA, PRESENTATO A PALERMO IL LIBRO DI LEONE ZINGALES

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_orlando_libro_zingales.JPG
E’ stato presentato a Palermo, nell’aula magna del liceo scientifico “Galileo Galilei”, l’ultimo libro del giornalista Leone Zingales intitolato “I luoghi della rosa bianca – Un grido di libertà contro il nazismo”. Sul palco, davanti ai relatori, a simboleggiare l’evento, è stata posta una rosa bianca.
Al centro del volume, pubblicato in concomitanza con la Giornata della memoria che si celebra il 27 gennaio in tutto il mondo, ci sono i luoghi in cui è sorto il Movimento antinazista e non violento della Rosa bianca.
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_bis_copertinalibro_zingales.jpg
Hanno presentato il volume di Zingales, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e l’editore Nicola Macaione.  Sono intervenute anche la preside dell’istituto, professoressa Rosa Maria Rizzo, e la docente di filosofia Stefania Macaluso.  Nel corso dell’evento è stato proiettato un filmato sulla storia della Rosa Bianca che è stato curato dal liceo “Galilei”.
“Il libro di Leone Zingales – ha detto il sindaco Orlando – ci accompagna in un significativo viaggio che racconta con l’efficacia delle immagini una pagina importante dell’antinazismo. In Germania c’è stato qualcuno, tedesco di nascita e di appartenenza, che si è opposto ad un regime sanguinario e barbaro come quello fondato da Hitler”.
Il libro edito dalla casa editrice palermitana «Spazio Cultura» (collana "Spazio Memoria», 80 pagine, gennaio 2019, 15 euro) è ambientato in Germania nell’estate del 1942 sino ad arrivare al febbraio del 1943 quando vengono arrestati i principali promotori del Movimento. Gli studenti universitari Hans Scholl, Willi Graf, Alexander Schmorell e Christoph Probst sono costretti ad interrompere gli studi perché chiamati obbligatoriamente ad indossare la divisa dell’esercito nazista. I quattro ragazzi si trovano sul fronte orientale (Polonia e Russia) come «soldati-studenti» nel corpo medico della Wehrmacht ma anche come ausiliari nella Luftwaffe nelle basi naziste dislocate nel sud della Germania. È in questo periodo che toccano con mano l’orrore del regime nazista di Adolf Hitler. Al ritorno in Germania Scholl e gli altri ragazzi fondano un movimento prevalentemente di ispirazione cristiana che si oppone al nazismo. Un movimento non violento che chiameranno «Rosa Bianca». Il volume, attraverso le foto scattate dall’autore durante i suoi molteplici viaggi, descrive con dovizia di particolari i luoghi che hanno visto nascere il Movimento al quale, in una fase successiva ha offerto un contributo notevole anche il docente universitario Kurt Huber. Attraverso il racconto fotografico i lettori rivivono alcuni tra i momenti più significativi che hanno segnato la vita, gli ideali e la morte dei membri dell’organizzazione, quasi tutti giovani studenti universitari.  La presentazione del libro si è conclusa con un breve momento musicale curato dai docenti e dagli studenti del liceo palermitano e con la consegna di un volume destinato alla Biblioteca del liceo.
Leone Zingales, 58 anni, giornalista palermitano, vice-presidente nazionale dell’Unione cronisti, è al suo 36/o libro. 
Nella foto: Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e la professoressa Stefania Macaluso, docente di filosofia del liceo "Galilei", durante la presentazione del libro di Leone Zingales

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria