Martedì, 24 Ottobre 2017 09:25

L’ONOREVOLE ROSI BINDI IN VISITA AL GIARDINO DELLA MEMORIA DI PALERMO

Il presidente della Commissione nazionale Antimafia nel pomeriggio ha reso omaggio a tutte le vittime della mafia in occasione dell’anniversario Borsellino
b_0_0_0_00_images_phocagallery_Fava_e_Bindi.JPG 
Una delegazione della Commissione nazionale antimafia, guidata dal Presidente Rosi Bindi e dal vicepresidente Claudio Fava (nella foro con Leone Zingales, vicepresidente Unci), accogliendo un invito dell’Unione cronisti e Anm, nel pomeriggio di oggi ha visitato il Giardino della Memoria di Palermo, il sito confiscato alla mafia e gestito da Unione cronisti ed Associazione nazionale magistrati. L’evento era inserito nel fitto programma di manifestazioni organizzate per il 25esimo anniversario della strage di via D’Amelio del 19 luglio 1992 in cui furono trucidati il procuratore aggiunto di Palermo, Paolo Borsellino, e cinque agenti della polizia di Stato: Vincenzo Li Muli, Claudio Traina, Agostino Catalano, Emanuela Loi e Walter Eddie Cosina. La Commissione è stata accolta dal vicepresidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, dal presidente regionale dell’Unci, Andrea Tuttoilmondo, e dal presidente della Giunta esecutiva del Distretto di Palermo dell’Anm, giudice Sergio Gulotta.  All’evento hanno partecipato anche il vice-sindaco di Palermo, Sergio Marino, il presidente nazionale dell’Anm, Eugenio Albamonte, il Provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria, Gianfranco de Gesu, il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri, colonnello Antonio Di Stasio, il comandante provinciale della Guardia di finanza, generale Giancarlo Trotta, funzionari della Dia,  il giudice Alfredo Montalto, il vicequestore aggiunto della polizia di Stato Francesco Antonucci, dirigente del commissariato di Brancaccio, e i componenti della Giunta esecutiva di Palermo dell’Anm.
Un momento di riflessione è stato dedicato davanti agli alberi dedicati a Rocco Chinnici, Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, caduti tra il 1983 ed il 1992, assieme ai gli uomini delle scorte e, nel caso di Chinnici, insieme con il portiere dello stabile in cui abitava l’alto magistrato. Accanto agli alberi sei tra militari dell’Arma, poliziotti e finanzieri a omaggiare i caduti.
"Sono tornata volentieri in questo luogo di Palermo – ha osservato l’on. Bindi – dove i cronisti e i magistrati, insieme, testimoniano pagine dignitose sul tema della memoria. Oggi onoriamo principalmente Borsellino e i cinque agenti di polizia caduti nel 1992, ma il nostro abbraccio lo dedichiamo a tutti i caduti: da Falcone a Fava, da Mattarella a La Torre sino a Chinnici e a don Pino Puglisi".
"Questo luogo – ha aggiunto il vicepresidente dell’Antimafia, Claudio Fava – fa parte oramai da tempo di quei siti in cui viene espresso l’esercizio della memoria ai più alti livelli, grazie all’opera di magistrati e giornalisti che lo gestiscono a pieni voti".
"La presenza dell’onorevole Rosi Bindi, di Claudio Fava e degli altri componenti dell’Antimafia – ha sottolineato il vicepresidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales – assume un forte significato in un giorno in cui si ricorda una figura importante nella storia della lotta alla mafia, Paolo Borsellino che fu trucidato 25 anni fa assieme a cinque poliziotti. Assieme ai magistrati proseguiamo il percorso di legalità che abbiamo iniziato quasi 13 anni fa.
Per il presidente regionale dell’Unci, Andrea Tuttoilmondo, "la scelta della Commissione antimafia, guidata dall’onorevole Bindi, di dedicare un momento di riflessione ai caduti per mano mafiosa, ricordandoli insieme con cronisti e magistrati al “Giardino delle Memoria” in un giorno così importante come il 19 luglio, testimonia ancora una volta il valore unico e profondo riconosciuto a questo luogo".  
 

b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi articolo

Depliant per il Giardino della Memoria


 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano