Lunedì, 24 Giugno 2024 16:11

A ROMA SI UCCIDE E LA GENTE NON LO SA. IL SINDACATO CRONISTI ROMANI: "NO A CENSURE DI POLIZIA"

A Roma si uccide e nessuno lo sa. L'ultimo clamoroso episodio di un'informazione differita è l'efferato omicidio  a colpi di fucile al camping  di Castel di Guido  del quale l' ufficio stampa della Questura capitolina non segnalato alla stampa e quindi all'opinione pubblica - il delitto risale addirittura a giovedì- ma  dai giornali e stato reso noto solo ieri, grazie ai informazioni uscite da ambienti giudiziari. Un presunto colpevole è stato individuato e arrestato. Ma dei delitti e della sicurezza in città non si deve venire a conoscenza solo per i casi risolti o che si presume siano risolti. I cittadini devono essere informati altrimenti si  rischia di creare uno strappo democratico con gravi violazioni al diritto d' informazione. I cronisti non violano segreti istruttori ma raccontano  i fatti storici dei quali non si può e non si deve rinunciare alla divulgazione e che non c'entrano con la violazione dei segreti d'indagine. Il Sindacato cronisti romani chiede che si recuperi il rapporto di un tempo tra forze dell'ordine e giornalisti rispettosi delle regole di deontologia professionale, perché questa è una necessità vitale quanto banale: i cittadini hanno il diritto di sapere. Ognuno fa il suo lavoro, e la parola chiave è correttezza, che però  è cosa diversa da compiacenza. I filmati postati su YouTube in cui troupe di non giornalisti fanno riprese dalle auto della polizia per spettacolarizzare gli interventi delle forze dell'ordine  sono appunto cinema e non informazione. Il Sindacato cronisti romani teme che ci sia una maggiore attenzione a a una rappresentazione solo positiva del lavoro delle forze dell'ordine in luogo di un'informazione rispettosa dei fatti, che invece deve essere l'obiettivo di tutti.  - Il Sindacato cronisti romani



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§



QUESTURA DI ROMA: "La Polizia ha doverosamente rispettato l'indicazione dell'Autorità Giudiziaria".  - Roma, 25 novembre 2015. - "La linea di condotta della questura è ispirata da principi di trasparenza che tuttavia non possono non tener conto delle esigenze investigative, soprattutto nel caso di reati particolarmente gravi. Circa il caso esposto dal sindacato dei cronisti romani, in base al quale la questura di Roma non avrebbe dato notizia di un omicidio, si precisa che l'autorità giudiziaria, intervenuta sul posto, aveva ritenuto di indicare alle forze dell'ordine l'esigenza dell'assoluto riserbo stante la delicatezza dell'indagine. La Polizia ha doverosamente rispettato l'indicazione dell'Autorità Giudiziaria". Lo precisa la questura di Roma in una nota rispondendo a quanto denunciato dal sindacato cronisti romani in merito a un omicidio avvenuto giovedì scorso. (Adnkronos).

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

SINDACATO CRONISTI ROMANI (SCR) ALLA QUESTURA: “DARE LA NOTIZIA DI UN OMICIDIONON SIGNIFICA INTERFERIRE CON LE INDAGINI” - Roma, 25 novembre 2015 - Non si possono confondere le indagini con un omicidio. Un omicidio è un fatto di interesse pubblico, oppure dobbiamo pensare che a Roma uccidere sia la normalità? La Questura replica alla nota del Sindacato cronisti romani “A Roma si uccide e nessuno lo sa” invocando esigenze investigative e dicendo che era stata l’autorità giudiziaria a chiedere “assoluto riserbo stante la delicatezza dell’indagine”. Ma il fatto di dare la notizia di un omicidio non significa interferire con le indagini. Ricordiamo la vicenda: un uomo è stato ucciso con una fucilata al camping di via Castel di Guido. Il delitto è avvenuto giovedì scorso, su alcuni quotidiani il fatto è stato pubblicato martedì grazie a informazioni avute da ambienti giudiziari. La Questura avrebbe dovuto comunicare la notizia alla stampa proprio per quei principi di trasparenza che tutti siamo convinti debbano essere la bussola di forze dell’ordine come dei giornalisti. L’arrestato sapeva benissimo che la polizia era giunta sul posto e stava indagando sulla vicenda.  La notizia di un fatto grave come un omicidio non può essere differita. I cittadini hanno diritto di sapere, i giornalisti di informare. - Sindacato cronisti romani

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria