Lunedì, 8 Marzo 2021 03:58

Assurdo sequestro Pc a direttore testata on-line

Riportare quanto scritto sull’atto di chiusura delle indagini, e quindi un atto pubblico, è per i magistrati della Procura di Ragusa un reato. In base a questa assurda convinzione hanno disposto la perquisizione della abitazione di Antonio Di Raimondo, direttore della testata on-line Corrierediragusa.it, al quale è stato anche sequestrato il computer portatile.

Di Raimondo ha pubblicato la notizia di un giro di falsi invalidi individuato dalla Guardia di finanza nella quale figurava come indagato un investigatore delle Fiamme gialle. La notizia diffusa non era coperta da segreto, visto che a tutti gli indagati era stato notificato l'atto giudiziario di chiusura delle indagini. 

Si è trattato di un attacco alla libertà di stampa e al diritto-dovere del giornalista di informare l'opinione pubblica hanno dichiarato il presidente dell'Unci, Guido Columba, ed il presidente regionale dell'Unci, Leone Zingales sottolineando che perquisizione e sequestro sono in contrasto con quanto disposto dall’ordinamento penale.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria