Sabato, 24 Febbraio 2024 03:38

Italia ed Europa devono ottenere da Karzai la grazia: il giovane Sayed Perwiz Kambakhsh è innocente

APPELLO AL PREMIER BERLUSCONI E AL PRESIDENTE DI TURNO TOPOLANEK

 

La  Corte Suprema afgana ha confermato la condanna a 20 anni

8 marzo 2009 - L’Italia e l’Unione Europea chiedano, e soprattutto ottengano  dal presidente afgano Hamid Karzai, la grazia e la liberazione per Sayed Perwiz  Kambakhsh al quale la Corte Suprema dell’Afghanistan ha confermato la condanna a  20 anni di carcere.

Lo chiede l’Unione Cronisti che rivolge un appello al  Presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi e al Presidente di turno  della EU, Mirek Topolanek, primo ministro della Cecoslovachia.

L’Unci sottolinea che tutti gli appelli del mondo  occidentale al premier Karzai, a partire da quello dell’ex segretario di Stato  Usa Condoleeza Rice, non hanno ottenuto l’effetto di far riconoscere l’innocenza  di Kambakhsh e  la sua liberazione. Come ha raccontato esattamente un anno fa,  l’8 marzo 2008 a Viareggio, dove era venuto a ritirare l’International reporter  award dell’Unci, il fratello di Kambakhsh, Sayed Yaqub Ibrahimi affermo’ che  solo la pressione occidentale avrebbe salvato il fratello accusato di blaflemia  dai fondamentalisti islamici. La condanna del giovane cronista, accusato di aver  stampato un articolo dal web, spiego’ Yaqub costituiva la riprova che in  Afghanistan i valori di tolleranza, rispetto dei diritti umani, e democrazia  erano soltanto una parvenza sostenuta dalle forze armate dei paesi occidentali e  che una volta che queste si fossero ritirate sarebbe tornata la legge tribale e  l’influenza assoluta dei ‘’Signori della guerra’’ e dei Talebani.

Per affermare la totale innocenza di Sayed Perwiz Kambakhsh,  sostiene l’Unci, non sono bastati il processo di appello svoltosi a Kabul -  l’area cioe’ di cui Karzai sostiene di avere il controllo – ne’ l’intervento  della Corte Suprema che hanno confermato la potenza della pressione dei  fondamentalisti. L’unica  possibilita’ che a Kambakhsh sia fatta giustizia resta  quindi la grazia che Italia ed Unione Europea devono chiedere immediatamente a  Karzai.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria