Venerdì, 1 Marzo 2024 01:21

'Ndrangheta: perquisito Secolo XIX solidarietà di As, Ordine e Cronisti

UNCI: NO AD OGNI  BAVAGLIO ALL’INFORMAZIONE

14 luglio 2010, Genova - Una perquisizione è in corso da parte di carabinieri del Ros nella redazione  centrale ed in quella di Chiavari del quotidiano Il Secolo XIX, che oggi ha  pubblicato con dovizia di particolari atti e intercettazioni dell'inchiesta che  ieri ha portato all'arresto di oltre 300 presunti affiliati alla 'Ndrangheta nel  nord Italia. Due degli arrestati sono genovesi ed in alcune intercettazioni si  fanno i nomi di politici liguri.  

Quattro cronisti del giornale risultano indagati.  “Mentre è in corso una delle più importanti indagini sulla malavita organizzata  con connessioni politiche nel nord Italia, in Lombardia e Liguria - commentano i  responsabili di Associazione, Ordine e Gruppo Cronisti liguri - una dozzina di  carabinieri del Ros sono stati distratti da incombenze ben più importanti per  perquisire la redazione centrale di Genova e quella di Chiavari de Il Secolo XIX.  Motivo? La pubblicazione di atti e intercettazioni che hanno svelato intrecci e  connessioni tra affari malavita e politica".  

"Se mai era il caso - concludono i rappresentanti dei giornalisti - questa  vicenda conferma l'impegno dei giornalisti sul fronte dell'informazione, il no a  ogni bavaglio, la non trattabilità dei disegni di legge che limitano indagini e  informazione. Ma anche il no a ogni forma coercitiva o intimidatoria da  qualsiasi parte provenga nei confronti dei giornalisti. I colleghi del Secolo  XIX non sono soli e non è un modo di dire. La loro 'colpa’ la sosteniamo,  sottoscriviamo e condividiamo in pieno".   

"È quello che accade quando si pubblicano le notizie", ha commentato laconico il  direttore del quotidiano Umberto La Rocca.

Il comunicato dell’Unione Nazionale Cronisti  Italiani

Ancora una volta i colpevoli  sono stati trovati subito.  I giornalisti. Il reato? Aver dato notizie, aver  cioè esercitato il diritto dovere di informare i cittadini pubblicando atti e  intercettazioni che hanno svelato intrecci, connessioni e ramificazioni della  'ndrangheta in Liguria. L'Unci, è vicina di colleghi del Secolo XIX, e condivide  in pieno quanto sostenuto dal Gruppo Cronisti Liguri, dall'Associazione Ligure  Giornalisti e dall'Ordine dei Giornalisti e cioè che questa vicenda conferma  l'impegno dei cronisti sul fronte dell'informazione, il no a ogni bavaglio, la  non trattabilità dei disegni di legge che limitano indagini e informazione.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria