Sabato, 19 Ottobre 2019 01:13

Lucca: busta esplode in redazione, solidarietà ai colleghi del Tirreno

I CRONISTI  CONTINUERANNO AD ASSOLVERE AL LORO COMPITO DI INFORMARE 

15 febbraio 2011, Firenze - Cronista, il pericolo è il tuo mestiere. Non  bastano i rischi che gravano ogni giorno di più sui giornalisti che si occupano  di cronaca, dalle querele e perquisizioni ai divieti, dai bavagli annunciati  alle possibilità di essere, come spesso accade, incolpati di ‘aver capito male’.  Adesso, come dimostra il caso della busta esplosiva recapitata alla redazione di  Lucca del “Tirreno”, i cronisti sono a rischio anche a casa propria,  nelle loro  redazioni.

La busta, di carta gialla e collegata ad un  tubetto di plastica con del liquido, era indirizzata ad un collega della  redazione e, quando è stata aperta è esplosa facendo fuoriuscire una sostanza  bianca che ora è sottoposta ad analisi. L’ Unione nazionale cronisti italiani ed  il Gruppo cronisti toscani esprimono la loro solidarietà incondizionata ai  colleghi del “Tirreno” sui quali si è abbattuta probabilmente la folle  “vendetta”  di uno squilibrato o di qualcuno che si vuol far credere tale.

Solo per un caso nessuno dei colleghi è rimasto  ferito, ma ciò non sposta di un millimetro la gravità di quanto accaduto e non  farà recedere nessun cronista dal proprio compito di informare a prescindere  dalla “scomodità” delle notizie con cui ha a che fare.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria