Sabato, 19 Ottobre 2019 01:14

Ddl Alfano: Subalpina, azione di contrasto coinvolgendo anche direttori ed editori

MOZIONE  CRONISTI APPROVATA ALL’UNANIMITA’ DAL CONGRESSO

 

Sabato 23 maggio, a Torino, il congresso  dell’Associazione Stampa Subalpina ha approvato questa  mozione proposta dal  delegato Andrea Monticone, consigliere nazionale Unci, sul  Ddl Alfano.

Entro la  metà di giugno è prevista la discussione in aula del Ddl Alfano che dovrebbe  disciplinare la materia delle intercettazioni telefoniche ma anche porre seri  limiti all’esercizio del  diritto di cronaca. Si tratta di un tema delicato,  importante, tanto più che il Governo ha già annunciato la propria intenzione a  chiedere la fiducia alle Camere.

            Gli annunciati  emendamenti di Governo e opposizione sono, al momento, solo verbali e non  scritti, dunque non esaminabili.

            Alla luce di tutto  questo, nonché di una lettera aperta del presidente dell’Unione Nazionale  Cronisti Italiani ai vertici di Ordine dei Giornalisti e Federazione Nazionale  Stampa Italiana sulla necessità di riconvocare il tavolo di crisi, si ritiene  opportuno che l’Associazione Stampa Subalpina si faccia promotore di:

-         Una serie di iniziative di informazione ai colleghi sulle conseguenze del  Ddl Alfano sulla professione, iniziative che possano raggiungere un vasto  pubblico e non solo i colleghi

-         Opera di persuasione su Odg e Fnsi affinché il tavolo di crisi venga  convocato in tempi brevi

-         Iniziative di contrasto al Ddl Alfano, seguendo nel caso alcune proposte  che vengono direttamente dall’Unci

-         Coinvolgimento di direttori di testata ed editori nelle iniziative a  contrasto del Ddl Alfano (per esempio la pubblicazione in calce agli articoli di  nera e giudiziaria della scritta: “con la legge Alfano questa notizia non  sarebbe stata pubblicata”)

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria