Venerdì, 1 Marzo 2024 03:07

2010:nel centenario del SCR cento anni di cronaca di Roma

NACQUE IL 5 AGOSTO  1910 IN VIA DUE MACELLI

All’Assemblea costituente  erano presenti 60 colleghi di sette testate

di Romano Bartoloni Presidente del SCR

02  febbraio 2010 - Il Sindacato  cronisti romani nasce il 5 agosto del 1910. L’evento è annunciato il giorno  prima da “Il Messaggero”. Le cronache e i documenti dell’epoca raccontano che  una sessantina di giornalisti dei quotidiani, “Il Messaggero”, “La Tribuna”, “Il  Popolo romano”, “IL Giornale d’Italia”, “L’Osservatore romano”, “ Corriere  d’Italia” e “Idea nazionale”, si riunisce in assemblea costituente in via Due  Macelli 12 (tel 12-34), intorno a mezzogiorno, in stanze al pianterreno concesse  da Costanzo Chauvet proprietario dell’omonimo palazzo e direttore de “Il Popolo  romano” (ancora oggi il nome della testata appare in bella vista nel fronte  dell’edificio). Il SCR si costituisce esattamente un anno dopo l’avvento della  FNSI, la Federazione nazionale della stampa italiana che riunisce in un patto  federale tutte le associazioni regionali e lo stesso gruppo specialistico                                     

La riunione in via Due Macelli si apre sulle ali dell’entusiasmo per la  conquista di un posto al sole della cronaca cittadina. Proprio all’inizio di  quella estate trova una collocazione fissa, in genere in quarta pagina, con una  propria testata di riferimento. “Il Messaggero” inaugura la pagina della  “Cronaca di Roma” il 21 giugno 1910, con l’apertura dedicata “Ancora sulla  malaria” e con altri titoli significativi “Gli impiegati e le elezioni  amministrative”, “La festa degli ascolani”, “Il grave ferimento di via  dell’Armata”. E sono le notizie di cronaca e le cronache giudiziarie dei grandi  processi (allora non c’erano i patteggiamenti a sottrarli all’opinione pubblica)  a decretare il successo dei giornali di una città all’avanguardia in Italia nel  numero dei quotidiani stampati, e in particolare le fortune di tre: “La Tribuna”  con 60mila copie, “Il Messaggero” con 45mila e “Il Popolo romano” con 35mila,  peraltro ubicati a un tiro di schioppo l’uno dall’altro, il primo in via Milano  e poi a palazzo Sciarra (in convivenza con “Il Giornale d’Italia”), il secondo  in via del Tritone e il terzo appunto in via Due Macelli.       

Quando scatta la censura fascista, la prima vittima è la cronaca. Ai fini della  moralizzazione e dell’educazione delle masse, in altre parole con l’intento di  cloroformizzare l’opinione pubblica, Mussolini in persona riduce le pagine dei  giornali, ordina la smobilitazione della nera, niente più notizie su fattacci,  suicidi, tragedie passionali, violenze e stupri contro minori, costringe la  bianca a trasformarsi in esaltazione delle opere di regime.      

Abolito dal fascismo il Sindacato cronisti si ricostituisce nel 1945 con la  passione e la voglia di rinascita che caratterizzano il periodo dell’immediato  dopoguerra. La cronaca riscatta la ribalta con il ritorno della libertà,  ampliando i propri orizzonti specialmente con la fine della grande stagione  della stampa politica in auge fra il 1945 e il 1947. Compaiono i giornali del  pomeriggio/sera che stravincono la scommessa sulla cronaca. Nelle ore di punta,  vanno a ruba con le grida degli strilloni (in galleria Colonna rimbombano  stordenti le loro voci) che ingigantiscono con il gergo della fantasia i titoli  di scatola dei quotidiani. Spiccano su tutti “Il Paese Sera”, “Il Giornale  d’Italia” e “Il Momento Sera”.                                                     

Oggi è composto da 400 giornalisti/cronisti in rappresentanza di tutti i  mass-media della città, carta stampata, radiotv, online. Ne fanno parte e ne  hanno fatto parte generazioni di giornalisti che si sono fatti le ossa a tu per  tu con il racconto di una città tutta particolare come  Roma.             

Nonostante la dittatura delle immagini imposta dall’avvento della televisione, e  nonostante la rivoluzione tecnologica senza uguali dall’epoca di Gutemberg, la  cronaca conserva lo smalto di mestiere di punta del giornalismo, contribuendo,  come nel caso di quella romana, alla crescita civile e democratica della  comunità cittadina. Peraltro, non si diventa grandi giornalisti, né grandi  direttori di giornali se non si è fatta la gavetta nella cronaca, non  disdegnando il giro degli ospedali e dei commissariati. Cronisti sono stati  Matilde Serao, Eduardo Scarfoglio, Pietro Ingrao,  Enrico Mattei, Orio Vergani,  Silvio Negro, Emilio Buzzati, Guido Piovene, Oriana Fallaci e tanti altri grandi  maestri del giornalismo. Anche oggi i cronisti/romanzieri conquistano la ribalta  letteraria come il collega di “Repubblica”, Massimo Lugli, finalista del “Premio  Strega” 2009.

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano

 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria