Premio Cronista

Consigli Nazionali

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi21
Visite MeseVisite Mese2845
Tot. visiteTot. visite143134

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online

Martedì, 23 Ottobre 2018 05:34

GALIMBERTI (UNCI): “ROSTAGNO, UN VALORE AGGIUNTO NELLA SICILIA DEGLI ONESTI” VERNA (OdG): “CHE I VALORI NON RESTINO NELL’OSCURITA’” FAVA (COMMISSIONE ANTIMAFIA): “ERA SOLO A SEGUIRE IMPORTANTI PROCESSI. DOV’ERANO GLI ALTRI GIORNALISTI?”

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Folla di studenti stamane al teatro Biondo di Palermo per il convegno organizzato da Unci e Ordine dei Giornalisti per ricordare il giornalista ucciso dalla mafia 30 anni fa
 b_0_0_0_00_images_phocagallery_salvo_palazzolo.JPG
 
 “Mauro Rostagno è stato un valore aggiunto nella Sicilia degli onesti. E’ stato la testimonianza di come la passione civile non possa dirsi tale senza l’impegno civile. Scese nel profondo del Paese per affermare i valori di civiltà e giustizia in cui credeva, incurante dei pericoli e delle minacce che gli presero la vita». Lo ha detto il presidente nazionale dell’Unci, Alessandro Galimberti, intervenendo oggi al teatro Biondo di Palermo al convegno intitolato "Mauro Rostagno 30 anni dopo. Un uomo, una storia, un giornalista rivoluzionario ucciso sulle strade della legalità”.  L’evento è stato organizzato dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e dall’Unione nazionale cronisti e ha ottenuto il patrocinio del Comune di Palermo-Capitale italiana della Cultura 2018.
Il convegno, al quale hanno preso parte centinaia di studenti delle scuole di Palermo, si è aperto con i saluti del segretario regionale dell’Assostampa siciliana, Roberto Ginex, del presidente dell’Unci Sicilia, Andrea Tuttoilmondo, e della preside del liceo “Galilei”, professoressa Rosa Maria Rizzo. Ha moderato i lavori il vice-presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, il quale, dopo avere ringraziato “la direzione del Teatro Biondo e l’Amministrazione comunale per l’ospitalità e il patrocinio” ha ricordato “la storica giornata del 2 maggio 2017 a Torino quando, in occasione della 10^ Giornata nazionale della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo promossa dall’Unione cronisti, il mondo dell’informazione si è riunito per la prima volta davanti alla casa natale di Rostagno”.
Per il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, “Rostagno ha avuto il coraggio di scoperchiare le pentole del malaffare e con il suo ostinato impegno civile ha spezzato i molteplici interessi di Cosa nostra nella provincia di Trapani”.
 Tanta emozione ha suscitato l’opera teatrale “Mauro Rostagno, un uomo vestito di bianco”,  una elaborazione drammaturgica a cura della regista Adriana Castellucci con la partecipazione dei ragazzi del liceo “Galileo Galilei” di Palermo.
 
b_0_0_0_00_images_phocagallery_verna_e_zingales.JPG
Il presidente del’Ordine nazionale dei Giornalisti, Carlo Verna, ha detto che “memoria, giovani, teatro e giornalismo per condividere tutti assieme dei valori e come dice il Washington Post “La democrazia muore nell’oscurità” e noi abbiamo il dovere di fare in modo che i valori non restino nell’oscurità. Questa è la funzione del giornalismo, andare avanti con la schiena dritta». 
Per il giornalista Salvo Palazzolo “sono ancora tanti i misteri che circondano l’omicidio di Mauro Rostagno. Troppi i “buchi neri” emersi dalle indagini. Dobbiamo lottare affinchè trionfino verità e giustizia”.
 
Il presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, Giulio Francese, nel suo intervento, ha ricordato Rostagno sottolineandone i “coraggiosi reportage reportage di denuncia contro la mafia”.
 
Nelle sue conclusioni l’on.le Claudio Fava, giornalista e presidente regionale della Commissione antimafia, ha ricordato “l’isolamento” a cui fu sottoposto Rostagno nei suoi mesi trapanesi. “A volte, al palazzo di giustizia di Trapani, seguiva importanti processi da solo – ha osservato Fava –. Dov’erano gli altri colleghi?”.
Nelle foto: in alto, Salvo Palazzolo; sotto il presidente dell'Ordine dei Giornalisti Verna durante il suo intervento. alla sua sinistra Leone Zingales, in prima fila in platea Alessandro Galimberti.
 
 
 
 

 

 

b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi articolo

Depliant per il Giardino della Memoria


 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano