Premio Cronista

Consigli Nazionali

Registrati al sito

Cerca nel sito

Visite nel sito

Visite OggiVisite Oggi48
Visite MeseVisite Mese1865
Tot. visiteTot. visite131589

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online

Martedì, 19 Giugno 2018 13:58

L’UNCI HA RICORDATO A VENEZIA LA GUARDIA GIURATA FRANCO BATTAGLIARIN

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Il 21 febbraio 1978 in calle delle Acque l’attentato terroristico contro la sede del Gazzettino. Sono intervenuti Giulietti e Zingales

b_0_0_0_00_images_phocadownload_venezia-2.5.018-andolfatto-giulietti.JPG

 

L’Unci, nell’ambito della undicesima edizione della Giornata della Memoria dedicata ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo che ha avuto luogo a Venezia nella suggestiva cornice del Teatro La Fenice, ha ricordato la guardia giurata Franco Battagliarin in calle delle Acque davanti alla ex sede del quotidiano Il Gazzettino che costituiva l’obiettivo degli attentatori. Originario di Cavallino Treporti, aveva 49 anni Battagliarin il 21 febbraio 1978, quando fu travolto dall’esplosione assassina. Secondo una delle ricostruzioni, la guardia giurata stava effettuando il programmato giro di perlustrazione nell’area in cui si trovava la sede del Gazzettino quando notò un involucro, una pentola a pressione, che gli attentatori avevano sistemato sui gradini di una minuscola scalinata che si affaccia sul portone d’ingresso dello storico palazzo Ca’ Faccanon. Battagliarin, in servizio notturno, si avvicinò per rimuovere l’involucro ma in quel preciso momento fu devastato dallo scoppio. Davanti alla ex sede del Gazzettino (oggi parzialmente in uso alle Poste italiane) si sono ritrovati il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, il vice-presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, la segretaria del Sindacato Giornalisti del Veneto, Monica Andoltatto, e Leopoldo Pietragnoli, segretario dell’Ordine regionale dei giornalisti del Veneto. Presenti anche i vertici delle Poste italiane tra cui Pietro La Bruna responsabile territoriale dell’area Nord-est. Dopo gli interventi di Giulietti e Zingales è stato deposto un cuscino di fiori che è stato collocato sul punto esatto in cui i terroristi avevano piazzato l’ordigno esplosivo.

b_0_0_0_00_images_pieghevole-Giardino-della-memoria-01.jpg

Leggi articolo

Depliant per il Giardino della Memoria


 

b_0_0_0_00_images_giornatamemoria2010.gif

 Leggi articolo 

Libro Giornata della Memoria

 

b_0_0_0_00_images_qalfano.gif

  Leggi articolo 

Quaderno sul Ddl Alfano